Davide Maravita – responsabile CSM

E’ meglio focalizzarsi su quelli che sono i contenuti di questo libro, che sono veramente notevoli.

Devo dire che quando ho iniziato a leggerlo è diventato uno dei miei libri di psichiatria preferiti.

Ho purtroppo il difetto di essere troppo sincero, però a volte serve… è uno di quei libri che secondo me vanno messi nel novero dei libri da studiare, perché il livello, la qualità delle riflessioni è molto alta.

E’ un libro ricco di testimonianze dirette molto sincere, molto schiette e che entrano nel vivo del problema secondo una prospettiva diversa da quella a cui siamo abituati.

A chi lo consiglierei questo libro… a tutti!

Poi facendo lo psichiatra la prima cosa che ho fatto è stata andare dai miei colleghi con il libro nella mano dicendogli: per favore leggetelo perché è un libro che aiuta.

Qual è la peculiarità di questo libro… è che parte da una base esperienziale, i protagonisti sono stati protagonisti in un progetto concreto all’interno dei Servizi, sono riusciti a trasfondere determinati saperi esperienziali, clinici, teorici, culturali all’interno di un Servizio pubblico.

E questa è un’operazione difficilissima!

Riesce in poche parti d’Italia, Trento è un po’ il capofila di questo tipo di esperienza in cui i Servizi sono direttamente coinvolti e vanno incontro ad un processo di trasformazione interna dal punto di vista organizzativo, dal punti di vista culturale, dal punto di vista operativo, fenomenale.

E’ un processo di ridefinizione dell’identità istituzionale, di ridefinizione di quelli che sono i ruoli e le identità dei diversi attori che ruotano attorno alla sofferenza psichica. E quando parlo dei diversi attori, parlo un po’ di tutti, parlo dei pazienti, parlo dei familiari, degli operatori…

E’ un libro che raccomando fortemente ai Direttori di Dipartimento della salute mentale, ma non solo, all’interno degli Assessorati, dei Servizi sociali, di tutto quell’apparato istituzionale che svolge delle funzioni fondamentali all’interno del vivere civile secondo le più diverse declinazioni.

Davide Maravita – responsabile Centro di Salute Mentale Ponente (Piacenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *